Home 9 Eventi 9 4 storie per promuovere i diritti dei sardi

4 storie per promuovere i diritti dei sardi

Costruiamo insieme una Sardegna diversa

Cagliari – Si terrà venerdì, 14 luglio, alle 17:30, a Cagliari, presso la Sala T3 del T Hotel, il dibattito “4 storie per promuovere i diritti dei sardi” a cura dell’Associazione Sardegna 2050.

Al centro dell’iniziativa gli interventi degli associati Pierangela Pisu, Emanuele Cabras, Gianfranco Fancello e Giuseppe Pintor volti a stimolare un confronto sui temi dello sviluppo, della sanità pubblica, delle differenze all’interno della comunità e la posizione dell’isola rispetto al Mediterraneo.

L’evento prevede quattro momenti di dialogo:

  • Marginali in Europa, ma centrali nel Mediterraneo – Emanuele Cabras
  • Non c’è sviluppo senza mobilità – Gianfranco Fancello
  • Verso una società che valorizza le differenze – Pierangela Pisu
  • Per una sanità pubblica più forte e presente nei territori – Giuseppe Pintor

 

Coordina il dibattito, Nicola Pirina, Presidente dell’Associazione Sardegna 2050 che partecipa al coordinamento tra Associazioni, Organizzazioni e Movimenti politici e culturali impegnati per un futuro migliore della Sardegna.

L’evento è gratuito e aperto a tutti.

Per info e iscrizioni: sardegna2050@gmail.com

www.sardegna2050.it

ARTICOLI RECENTI

About social.

About social.

Cagliari, 13 giugno 2024   About social.   I social network hanno vissuto una metamorfosi significativa dalla loro nascita. Inizialmente creati per rafforzare i legami sociali e connettere persone, queste piattaforme sono diventate dei potenti strumenti per...

Common good.

Common good.

Cagliari, 12 giugno 2024   Common good.   Esiste una sottile linea di confine tra gli studi dei futurologi e la filantropia. Sono i beni comuni. Le due discipline offrono un punto di incontro su un tema cardine. Ai più potrebbe non sembrare, ma la comunità...

Croci e sacrestani.

Croci e sacrestani.

Cagliari, 11 giugno 2024   Croci e sacrestani.   Ci sono due detti che mi hanno colpito questa settimana:   Bisogna fare attenzione a dove si mette la croce perché poi bisogna portarla Se non diventi mai parroco e rimani sempre sacrestano qualcosa...

ARGOMENTI

Non c'è ancora contenuto da mostrare.