Home 9 Eventi 9 4 storie per promuovere i diritti dei sardi

4 storie per promuovere i diritti dei sardi

Costruiamo insieme una Sardegna diversa

Cagliari – Si terrà venerdì, 14 luglio, alle 17:30, a Cagliari, presso la Sala T3 del T Hotel, il dibattito “4 storie per promuovere i diritti dei sardi” a cura dell’Associazione Sardegna 2050.

Al centro dell’iniziativa gli interventi degli associati Pierangela Pisu, Emanuele Cabras, Gianfranco Fancello e Giuseppe Pintor volti a stimolare un confronto sui temi dello sviluppo, della sanità pubblica, delle differenze all’interno della comunità e la posizione dell’isola rispetto al Mediterraneo.

L’evento prevede quattro momenti di dialogo:

  • Marginali in Europa, ma centrali nel Mediterraneo – Emanuele Cabras
  • Non c’è sviluppo senza mobilità – Gianfranco Fancello
  • Verso una società che valorizza le differenze – Pierangela Pisu
  • Per una sanità pubblica più forte e presente nei territori – Giuseppe Pintor

 

Coordina il dibattito, Nicola Pirina, Presidente dell’Associazione Sardegna 2050 che partecipa al coordinamento tra Associazioni, Organizzazioni e Movimenti politici e culturali impegnati per un futuro migliore della Sardegna.

L’evento è gratuito e aperto a tutti.

Per info e iscrizioni: sardegna2050@gmail.com

www.sardegna2050.it

ARTICOLI RECENTI

A proposito di AI. Oggi.

A proposito di AI. Oggi.

A proposito di AI. Oggi. È correttamente affrontata l'importanza e le implicazioni dell'Intelligenza Artificiale (IA) nella società moderna? È compreso come questa tecnologia possa produrre risultati vantaggiosi ma anche disruptive in diversi ambiti, tra cui la...

A proposito di sanità in Sardegna e in Italia più in generale

A proposito di sanità in Sardegna e in Italia più in generale

A proposito di sanità in Sardegna e in Italia più in generale.   La Sardegna è la regione italiana dove è più alta la richiesta di prestiti per cure mediche sul totale dei prestiti erogati. Lo sottolinea un’indagine svolta da uno tra i principali player del...

ARGOMENTI

Non c'è ancora contenuto da mostrare.