Home 9 Opinioni e Interviste 9 società 9 Breve sui territori.

Breve sui territori.

Cagliari, 19 aprile 2024

 

Breve sui territori.

 

Una recente indagine, che segnala un calo demografico di oltre ottomila unità in Sardegna (principalmente giovani) mette in luce una problematica profonda che affligge non solo la nostra regione ma l’intero Mezzogiorno d’Italia. Questa dinamica non è soltanto un freddo numero di statistica ma un sintomo di un disagio più ampio che riflette la difficoltà di attrarre e trattenere popolazione e imprese in queste aree. Oggi, a differenza del passato, sembra esserci una minore enfasi sull’attrattività dei territori e sulla competitività degli stessi, concetti fondamentali per invertire questa tendenza negativa.

Nel tentativo di analizzare questa situazione, è utile rifarsi anche agli studi del giornalista Pino Aprile sulla questione meridionale, che offrono spunti preziosi per comprendere le radici storiche e le dinamiche attuali di questo fenomeno. Il Sud Italia era un territorio fiorente sotto numerosi profili, da quello economico a quello culturale, ospitava università di rilievo, banche solide e imprese innovative, oltre a una classe dirigente illuminata. Oggi non più.

Aprile ha indagato il sacco sociale, economico e culturale del Mezzogiorno.

Che abbia torto, ragione in parte e completamente, il Sud rimane in uno stato di sottosviluppo relativo che perdura fino a oggi.

Ed i suoi territori fanno fatica ad essere competitivi ed attrattivi.

Per scelte di vita, di famiglia o d’impresa.

La questione, pertanto, non è soltanto demografica ma intrinsecamente legata a come si valorizzano i giacimenti che ciascun territorio possiede per renderlo una scelta di vita, famiglia e impresa. In Sardegna, come nel resto del Mezzogiorno, esistono innumerevoli risorse naturali, culturali ed economiche inesplorate o sottoutilizzate che potrebbero rivitalizzare l’economia locale e attrarre nuovi residenti e investimenti. Tuttavia, ciò richiede una strategia concertata che metta al centro l’attrattività dei territori, basata su politiche volte a incentivare l’innovazione, l’istruzione, l’infrastrutturazione e la digitalizzazione.

Un passo cruciale in questa direzione è il riconoscimento dei valori unici e delle potenzialità specifiche di ogni territorio, valorizzando le eccellenze locali e creando condizioni favorevoli per l’imprenditorialità. Allo stesso tempo, è necessario investire nell’istruzione e nella formazione professionale, per preparare i giovani alle sfide del mercato globale, restando radicati nel proprio territorio.

In questo scenario, le amministrazioni locali e il governo centrale devono lavorare insieme per sviluppare politiche efficaci che mirino non solo a fermare l’emorragia demografica ma anche a rendere la Sardegna luogo dove si possa non solo vivere ma prosperare.

Se vogliamo rinascere dobbiamo andare oltre le logiche assistenzialiste per costruire un futuro di autonomia e di sviluppo sostenibile.

La sfida che ci troviamo ad affrontare non è solo economica ma anche culturale, dobbiamo anche cambiare la narrativa.

Il percorso è arduo e richiede un cambiamento di mentalità a tutti i livelli, ma guardando alle risorse uniche e alla resilienza delle comunità locali, la trasformazione è possibile.

La Sardegna può rinascere ma solo attraverso un impegno collettivo che metta al centro le persone, le loro aspirazioni e il valore intrinseco dei territori.

 

Con fiducia e determinazione, Nicola

ARTICOLI RECENTI

Demoni.

Demoni.

Cagliari, 27 maggio 2024   Demoni.   Quando i sogni falliscono e ci troviamo circondati da persone che ci deludono o ci danneggiano, cerchiamo spesso rifugio negli affetti familiari o nelle amicizie più strette. Tuttavia, anche chi ci vuole aiutare può avere...

Ci sono. Ci siamo.

Ci sono. Ci siamo.

Cagliari, 23 maggio 2024   Ci sono. Ci siamo.   In un mondo sempre più frenetico e individualista, è facile perdere di vista l'importanza della solidarietà e del sostegno reciproco. Tuttavia, è proprio nei momenti di difficoltà che il valore delle reti...

Bisogna sforzarsi di fare meglio. 

Bisogna sforzarsi di fare meglio. 

Cagliari, 23 maggio 2024   Bisogna sforzarsi di fare meglio.    E a volte di fare e basta. Questo mondo è troppo grande per avere sogni piccoli. La Sardegna si trova a un bivio cruciale. Per anni, l’isola ha vissuto una sorta di stasi economica e sociale,...

ARGOMENTI

Non c'è ancora contenuto da mostrare.