Liberazione

Cagliari, 25 aprile 2024

 

Liberazione.

Testo bilingue (italiano e sardo).

Il 25 aprile, festa della Liberazione, ricorda a Tutt* noi la fine dell’occupazione nazifascista e l’eroico contributo dei partigiani che lottarono per restituire la libertà e la dignità al paese. Questa data simboleggia non solo una vittoria ma un profondo rinnovamento morale e civile, un giorno in cui si celebra la resistenza contro l’oppressione in tutte le sue forme. Il ricordo di tale sacrificio è vitale non solo per onorare chi ha combattuto, ma anche per mantenere viva la consapevolezza delle libertà conquistate a caro prezzo.

Tuttavia, mentre il contesto storico del 1945 resta un pilastro della memoria collettiva italiana, l’invito a riflettere su cosa significhi oggi Liberazione diventa sempre più pressante.

Viviamo in un’epoca segnata da nuove forme di oppressione e sfide complesse che richiedono un impegno costante verso l’antifascismo, non solo in senso storico, ma come impegno attivo e quotidiano contro le ingiustizie moderne.

Oggi, i fascismi possono non avere più l’uniforme, ma si manifestano in politiche che alimentano la disuguaglianza, l’odio e la discriminazione. L’antifascismo moderno deve quindi combattere contro le tendenze autoritarie e xenofobe che rischiano di erodere i principi democratici, fomentare l’intolleranza e limitare le libertà personali e collettive.

Essere antifascisti oggi significa anche battersi contro il degrado ambientale, l’esclusione sociale, l’erosione dei diritti lavorativi e delle tutele sociali, temi che sono fondamentali per garantire dignità e uguaglianza.

In questo senso, la Liberazione può e deve essere svecchiata, arricchita di nuovi significati che rispondano alle esigenze del presente. Dobbiamo interrogarci su cosa significhi liberarsi oggi … forse da un’economia che privilegia il profitto a discapito dell’equità o dalla crescente polarizzazione sociale e politica che minaccia il dialogo e la coesione?

Nel contesto attuale, la Liberazione potrebbe significare anche l’impegno verso una maggiore giustizia ambientale. Liberarci dall’inquinamento, dallo sfruttamento eccessivo delle risorse naturali, dalla negligenza verso il cambiamento climatico è essenziale per garantire un futuro di prosperità e benessere non solo economico ma anche ambientale e sociale.

 

Un altro aspetto fondamentale della Liberazione moderna è la salute mentale. La pandemia di COVID-19 ha messo in luce quanto sia cruciale investire in servizi e supporti adeguati per la salute mentale. Liberarsi dallo stigma che ancora oggi circonda le malattie mentali è fondamentale per costruire una società che cura veramente tutti i suoi membri.

 

Dunque, costruire insieme un nuovo significato di Liberazione richiede un dialogo aperto e inclusivo, una riflessione collettiva che attinga dall’eredità del passato le forze per affrontare le sfide del presente. Ciò significa riconoscere e combattere le nuove forme di oppressione e lavorare insieme per un futuro che rinnovi i valori di libertà, uguaglianza e fraternità su cui è stata fondata la nostra convivenza territoriale.

 

Qui, in Sardegna, non ci dobbiamo mai dimenticare che la terra in cui viviamo è il nostro più grande dono (e non ne abbiamo un’altra). Qui, in Sardegna, non ci dobbiamo mai dimenticare che abbiamo una lingua e una cultura chi hanno il diritto di continuare a vivere in un mondo in cui il confronto e il rispetto vadano oltre forma di oppressione, con lo sguardo rivolto a un futuro in cui tutti – ognuno a modo suo, ognuno diverso – può affermare la propria libertà, senza timore, senza vergogna.

 

Celebrare il 25 aprile oggi significa non solo ricordare il passato, ma impegnarsi attivamente per un presente e un futuro di vera Liberazione.

 

Casteddu, 25 de abrile 2024

Liberatzione

Su 25 de abrile, festa de sa Liberatzione, ammentat a sos italianos sa fine de s’ocupatzione nazi-fascista su contributu de sos partigianos chi ant gherradu pro torrare sa libertade e sa dignidade a s’Itàlia. Custa data est sìmbulu non solu de una bìnchida, ma finas de un’àndala morale e tzivile noa, una die chi festat sa resistèntzia contra a s’operessione e in totu sas formas suas. S’ammentu de custu sacrifìtziu est de importu mannu pro onorare chie at cumbàtiu e pro mantènnere bia sa cussèntzia de sa libertade lòmpida a caru prètziu.

Intames chi su cuntestu istòricu de su 1945 abarrat unu pilastru de sa memòria colletiva, tocat a pensare finas a ite cheret nàrrere “Liberatzione” oe in die.
Semus bivende un’època in ue agatamus formas noas de opressione e isfidas difìtziles chi cherent unu impignu costante contra a s’antifascismu, siat in sensu istòricu, siat a fitianu pro gherrare contra a sos tortos de sa modernidade.

Oe, sos fascismos non portant s’uniforme ma bessint a campu in sas polìticas chi paschent in sas disamistades, s’òdiu e sa discriminatzione. S’antifascismu modernu depet cumbàtere contra a sos sentidos autoritàrios e xenòfobos chi podent pònnere in perìgulu sos printzìpios democràticos, intzullare s’intolleràntzia, pònnere làcanas a sas libertades personales e colletivas.

Èssere antifascista oe cheret finas nàrrere a si gherrare contras a s’abbandonu e su degradu ambientale, sa soledade de sas personas, sa minimadura de sos deretos de sos traballadores e de sas tutelas sotziales, temas chi sunt a fundamentu de sa dignidade e de s’ugualliàntzia.

In custu sensu, sa Liberatziones est e depet èssere mudada, arrichida de significados noos chi siant capatzas de respòndere a sas domandas de su presente. Tocat chi nos domandemus ite cheret nàrrere a nos liberare oe, fortzis dae una economia chi donat prus cambas a sos privilègios e a su profitu prus chi no a sa paridade, o dae una distàntzia sotziale e polìtica intre sas personas chi minetat su diàlogu e sa coesione?

Oe, Liberatzione diat a pòdere chèrrere nàrrere finas prus impignu pro s’ambiente: A nos liberare dae s’incuinamentu, dae s’isfrutamentu de sas resursas naturales, dae sa trascuradesa pro su cambiamentu climàticu, est de importu pro nos garantire unu benidore de prosperidade e benistàntzia econòmica, ambientale e sotziale.

Un’àtera chistione a fundamentu de sa Liberatzione moderna est sa salude, prus che totu sa salude mentale. Sa pandemia de COVID-19 at postu in lughe cantu siat de importu a investire in servìtzios pro sa salude mentale. A nos liberare dae s’istigma de sas maladias mentales est de importu pro fraigare una sotziedade chi curat totu sos chi nde faghent parte.

Inoghe, in Sardigna, no nos depimus ismentigare mai ca sa terra chi bivimus est sa prenda nostra prus manna (e non nde tenimus àtera). Inoghe, in Sardigna, no nos depimus ismentigare mai, ca tenimus una limba e una cultura chi tenent su deretu de sighire a bìvere in unu mundu de cuncàmbiu e respetu, foras dae cale si siat opressione, cun sa mirada a unu benidore in ue totus, onni unu a manera sua, onni unu cun sas diferèntzias suas, podet nàrrere de èssere liberu, sena timorias, sena birgòngia.

Duncas, pro fraigare paris unu significadu nou de Liberatzone cheret chi bi siat unu diàlogu abertu in gradu de pònnere paris a totus, una riflessione de totus chi pighet dae s’eredidade de su passadu sas fortzas pro afrontare sas isfidas de su benidore. Cheret nàrrere ca tocat a connòschere e cumbàtere sas formas noas de opressione e traballare paris pro cunu benidore chi torret a annoare sas valores de sa libertade, de s’egalidade, de sa fraternidade chi sunt a fundamentu de sa comunidade nostra.

 

 

Con affetto e fiducia, Tore Cubeddu e Nicola Pirina

 

ARTICOLI RECENTI

Demoni.

Demoni.

Cagliari, 27 maggio 2024   Demoni.   Quando i sogni falliscono e ci troviamo circondati da persone che ci deludono o ci danneggiano, cerchiamo spesso rifugio negli affetti familiari o nelle amicizie più strette. Tuttavia, anche chi ci vuole aiutare può avere...

Ci sono. Ci siamo.

Ci sono. Ci siamo.

Cagliari, 23 maggio 2024   Ci sono. Ci siamo.   In un mondo sempre più frenetico e individualista, è facile perdere di vista l'importanza della solidarietà e del sostegno reciproco. Tuttavia, è proprio nei momenti di difficoltà che il valore delle reti...

Bisogna sforzarsi di fare meglio. 

Bisogna sforzarsi di fare meglio. 

Cagliari, 23 maggio 2024   Bisogna sforzarsi di fare meglio.    E a volte di fare e basta. Questo mondo è troppo grande per avere sogni piccoli. La Sardegna si trova a un bivio cruciale. Per anni, l’isola ha vissuto una sorta di stasi economica e sociale,...

ARGOMENTI

Non c'è ancora contenuto da mostrare.